ВОЛШЕБНЫЙ БЛОКНОТИК - The magic notebook (Russian)

Центр содействии медиации и альтернативным способам разрешения споров (СОМЕДИАРС)
«Актуальные вопросы семейного права и практика применения медиации по семейным спорам».
Круглый стол 22 мая 2013 года
Мария Франческа Франчезе,
медиатор, адвокат, президент Ассоциации ИнМедиа (Милан, Италия)
Как-то раз супружеская пара, испытывавшая сложности во взаимоотношениях после
развода, попросила меня выступить в качестве медиатора. У супругов было двое детей, 11ти
и 14 лет. Дети остались жить с матерью, в то время как отец переехал жить к другой
женщине и ее детям. Отец проявлял нормальную эмоциональную привязанность к своим
детям, но на самом деле с практической точки зрения поддержка от него была не слишком
велика. Он не участвовал в их воспитании ни деньгами, ни в повседневной заботе о детях, он
также физически не присутствовал, когда это было нужно. Он не ходил на встречи с
учителями в школе, не присутствовал на детских общественных мероприятиях и
религиозных праздниках, и так далее. Он был не в состоянии соблюдать график посещений,
напротив: испытывая определенные трудности с тем, чтобы приспособиться к новому
семейному положению, он просто хотел заявляться домой к бывшей жене, когда ему это
было угодно. Он звонил в дверь, ожидая теплого приема, и просто отказывался понимать,
почему его бывшая жена отказывается открывать дверь и сердится.
Все эти «сюрпризы» с папой на пороге приводили бывшую жену в ярость и выливались в
кошмар воплей и взаимных обвинений. Родители завязли на разных позициях вроде: ты не
вправе показываться у меня на пороге; или «ты не имеешь права не пускать меня к детям»,

Open Space Technology in Moscow, May 2013

This is a brief video of myself participating at a conference on law and environement at the Ministry of Natural Resources in Moscow. In this exreact I explain some of the basics of Open Space Technology.

Mediation in Italy, 2013

At the end of June 2013 the Italian government issued a legislative decree providing urgent measures that also involve important changes to the Italian litigation system. The aim of the decree is to simplify the administrative and regulatory framework, as well as to shorten the duration of civil proceedings, reducing the high level of civil litigation and promoting the use ADR methods. This decree reverses a ruling in October 2012, where the Italian Constitutional Court quashed compulsory mediation finding that by enacting the law, the government had exceeded the scope of both the Mediation Directive and Law 69/2009, which empowered the government to adopt a legislative decree introducing administered mediation procedures. 
Consequently, mandatory mediation has been reintroduced for a wide range of reserved matters such as: tenancy in common (eg, in condominiums); real property rights; division of assets; inheritance; family estates; leases of real property and of going concerns; gratuitous loans for use; medical liability; defamation in the press and other media; and insurance, banking and other financial agreements.
When mandatory mediation was originally introduced in 2011, notable results were brought to light, with more than 220.000 mediations started and with a settling rate of nearly 50% when both parties participated. This is why the Italian Government pushed for a return to mandatory mediation. 
This was an effort to eliminate some of the current backlog of disputes pending before Italian Courts, putting forward a revised policy which takes into account at least part of the criticisms that have been made in an obvious solution. Amongst other things, the new discipline allows the litigants to opt-out from the trial at a nominal cost.

The Decree has been converted into a law by the Parliament and it will enter into force by the end of September. If successful, this model could be adopted by other EU member states, which is why mediation in Italy is now under close surveillance.


Di seguito un estratto del mio intervento ad una conferenza sulla mediazione familiare organizzato dall'Istituto Statale di diritto comparativo di Mosca il 22 maggio 2013.
Nelle note racconto di un mio caso di mediazione durante un divorzio e di uno strumento che ho utilizzato.

I once was asked to act as a mediator by a married couple going through a divorce with two children aged 11 and 14. The children were staying with the mother while the father had moved in with another woman and her children. The father showed a normal emotional attachment to his children, but in fact he was not very supporting from a practical point of view.  He did not contribute with money, nor with the daily care, or with his physical presence when it was needed. He was missing the meetings with the teachers at school, at the kids’ social events and religious celebrations and so on. He was unable to keep up with his visits schedule, on the contrary, having some trouble in adjusting in the new family situation, he just wanted to show up at his ex-wife’s home whenever he felt like it. He used to ring the doorbell  hoping for a warm welcome and he simply refused to understand his ex-wife’s repeated refusals and anger.


SECONDA PARTE (per la prima parte clicca qui)
Stefania ed io abbiamo da subito pensato che fosse importante trovare un’immagine che contraddistinguesse l’OST Mediazione. L’idea del logo è nata spontaneamente parlando dell’organizzazione, tra una cosa e l’altra. Ricordo perfettamente le esatte parole che ci dicemmo: la prima cosa che mi viene in mente pensando all’OST è un gruppo di persone sedute in cerchio. Così è stato: un cerchio con le lettere OST MEDIAZIONE tutte attorno, come le persone nell'OST.
Il cerchio, ovvero il fatto di essere seduti in circolo, senza gerarchie, potendosi tutti guardare negli occhi è un tratto fondamentale dell’OST. Harrison Owen, spiegando perché il cerchio è importante, dice: avete mai visto un quadrato di amici? Il fatto di essere in cerchio fa “circolare” le idee, gli spunti, crea lo “spazio aperto” dell’open space ed inoltre è ciò che simbolizza più chiaramente il cambio di paradigma (alla maniera di Thomas Kuhn) che si produce con le tecniche partecipative, come l’OST. Non c’è più un rapporto frontale, da docente a discente, da autorità a suddito e così via. Si è tutti sullo stesso piano di collaborazione, pronti a sfruttare lo spazio aperto del cerchio che è, in un certo senso, vuoto, pronto ad accogliere ciò che le persone in cerchio propongono. Un OST non sarebbe possibile con le persone sedute in file di sedie come al cinema, non solo per la relazione uni/bidirezionale del rapporto tra chi sta nelle file e chi sta sullo schermo (riprendendo l’esempio del cinema), ma anche perché non c’è nessuno spazio aperto, libero per favorire il nascere e lo scambio di idee.

Open Space Technology on Mediation

In my capacity as the President of In Media, I designed and organized, together with Stefania Lattuille, another Open Space Technology which will take place next 1st February in Milan.
The theme of this new OST Mediation comes from the new scenario that mediation and mediators are now facing in Italy: "Mediation: what now?"
By its decision issued on 24 October 2012, the Italian Constitutional Court has ruled that the Italian Government overreached its legislative authority implementing the "Compulsory Mediation" through the provision of the Legislative Decree n. 28, dated 4 March 2010. Since then, we have been experiencing the many faces of uncertainty on the future of mediation, we sense a growing hostility towards mediation and the discomfort of empty mediation tables. Too many times I have recently heard expressions of disapproval that could sound like this: "Mediation... is it that thing against the Constitution? Which means against the law, isn't it...?".
We have to win back the trust of the pubblic opinion and of the professionals it is a challenging task. But this is also an opportunity for a fresh start, with new insight on mediation.
At the same time, there are hundreds and thousands of practicing Italian mediators who are not willing to step back while someone else decides on their professional future. We, as mediators, in our professional capacity, have developed and practiced skills and technologies that allows us to formulate new proposals for ourselves and for mediation in general.
Given our expertise and our ability to work proactively, no one is in a better position than we are for finding a satisfactory solution. These are times in which we do have to use our creativity and ability to both find a solution and clearly state our professional status as mediators. The OST Mediation uses a collaborative and participatory method, which focuses on the passion and on the responsibility of the participants to find answers and practical solutions. Therefore I think that this is one of the correct and appropriate ways to deploy our resources as mediators in order to truly transform this depressing scene into an opportunity.
If you are passionate about mediation, if you have something to say, if you want to do something about this situation with other fellows mediators, you are welcome to participate.
more info on www.associazioneinmedia.it

Conversation on Yoga and Mediation

One evening, during one of the mediaperitivi events that In Media regularly organises, Cinzia, you came to me with a sheet of paper in hand and said: “I’d like to do something with yoga, meditation and mediation”, and gave me your paper with the draft of what would subsequently become Medi(t)ation, yoga at the service of mediation.
I can’t remember exactly what I said to you on the spur of the moment, but I must have raised an eyebrow and furrowed my forehead because – and this I do remember – I wasn’t sure I understood what you were saying to me.
Well, yes, it was something new after all, never seen before: meditation, yoga and mediation all together.
There’s a lot of talk at the moment about civil and commercial mediation, about Decree 28, mediation bodies, caucuses, reports. Your idea seemed so unorthodox that...
It breaks old patterns!
Exactly! It breaks old patterns! But I have to say that it wasn’t this that convinced me to propose your lessons.
So what did convince you?

Storytelling is about relationship

I recently had the opportunity to invite one of the most talented and experienced storyteller of the world to hold a seminar in Milan for the Association which I represent: In Media. Here's a little story of what happened and some thoughts about it that I dared to put into words.

When I started organizing the Seminar “The voice of Justice- storytelling for mediation and negotiation” which took place in Milan last 30th October with Inno Sorsy (UK), I couldn’t help but notice other’s people reaction to to the word “storytelling”.  I could almost read into their minds: what is that?
The general reaction was something between disappointment and sincere concern: are you sure that you want to go on with this? What this once-upon-a-time –thing  has to do with lawyering and mediation?
The best explanation starts directly from Inno Sorsy, actress, musician, storyteller and international trainer who opened the seminar telling her own story.

Si è svolto a Milano il primo OST sulla MEDIAZIONE

Quali opportunità e quali criticità nel futuro della mediazione?
In un posto appartato e tranquillo, a pochi metri dal trafficato Corso Buenos Aires di Milano, un gruppo di persone decide di passare un’intera domenica a cercare di immaginare il futuro della mediazione. Come questo sia possibile, si capisce solo pensando alla passione per la mediazione che muove ogni partecipante come qualcosa che dà valore e arricchisce la vita di orizzonti nuovi.


Era l’inizio di giugno del 2012 e sulla mia scrivania è squillato il telefono di In Media.
All’altro capo del filo c’era Stefania Lattuille. Mi chiedeva se l’associazione fosse interessata a fare un Open Space Technology, sulla mediazione.
Mi sembrava una proposta così azzeccata, così adeguata, così interessante che non ho mai avuto nessun dubbio sul fatto che sarebbe stata accolta e appoggiata da tutta l’associazione.
In effetti, l’idea di cui mi parlava Stefania Lattuille è l’esplicitazione di un principio che In Media stava già portando avanti con forza da alcuni mesi e che in breve può essere riassunto così: se il nostro obiettivo è fare mediazione, dobbiamo adottare un metodo che sia congruo con questo obiettivo.
Che il metodo debba essere congruo con l’obiettivo da raggiungere, è una cosa di cui parlano i grandi saggi, da Capo Seattle al Mahatma Gandhi, ne parlano anche le persone semplici e di buon senso, ma non è così comune veder applicato questo principio. In particolare nella mediazione e più in generale nella tecnologia della pace, l’attenzione al metodo passa sovente in secondo piano con risultati ridicoli e paradossali.
Chiunque abbia avuto almeno una volta un’esperienza di mediazione (civile e commerciale, familiare, penale o altro) sa che non è possibile costringere a mediare. La c.d. “mediazione obbligatoria” è un ossimoro a cui ci siamo abituati in omaggio al Legislatore e alla “condizione di procedibilità” – di cui parleremo forse in un altro momento, ma non è un’esperienza concretamente possibile, se non nei termini di un paradosso pragmatico.
Quindi, quando Stefania mi ha proposto l’OST, subito mi è venuta alla mente la progettualità aperta, l’approccio alla complessità, il valore della responsabilità individuale. Tutte cose che costituiscono l’ontologia dell’OST e che si sposano perfettamente con la mediazione, o meglio, con la necessità che di mediazione si parli e si tratti con un metodo congruente alla mediazione stessa.

Mediazione: sostenibilità ed etica




Come ormai tutti ben sappiamo, la mediazione ha dei costi previsti a carico delle parti. Sono i costi stabiliti dal tariffario e variano al variare del "valore della controversia" secondo un discutibile sistema mutuato direttamente dal processo civile.
Il costo della mediazione e serve a pagare l'opera del mediatore, in parte, e l'organismo di mediazione.
A fronte del pagamento del corrispettivo si ottiene:
1) l'opera di "segretariato" e spesso logistica dell'Organismo prescelto, con le conseguenze previste dalla legge in ordine a prescrizione e decadenza,
2) la prestazione di un mediatore accreditato e tenuto alla formazione continua, secondo i dettami di legge,
3) il rilascio di un verbale dell'incontro di mediazione, unico documento utile per dimostrare di aver soddisfatto la condizione di procedibilità, nei casi previsti dal primo comma dell'art. 5 D.Lgs. 28/2010,
4) la possibilità di allegare l'eventuale accordo raggiunto in mediazione al verbale e di ottenere successivamente l'omologa dello stesso da parte del Presidente del Tribunale con tutte le conseguenze previste,
5) in ultimo, la possibilità di risolvere una controversia secondo criteri e parametri determinati dalle parti in conflitto.

Nelle presentazioni "ufficiali", nelle sponsorizzazioni della mediazione, quest'ultimo punto viene normalmente messo per primo. Io però voglio mettermi per una volta dalla parte di chi avversa la mediazione ritenendola inutile e dannosa, di chi vede l'accordo in mediazione come una sciagura evitabile o, al massimo, come un'aberrazione statistica. (Evito volutamente di citare la possibilità di ottenere una proposta del mediatore. Questo caso è previsto dalla legge, ma ripugna al mio buon senso.)

Se io deposito una domanda di mediazione ma, per qualunque ragione, non ho intenzione di sedermi al tavolo delle trattative con l'animo di negoziare in buona fede, possono verificarsi due casi diversi.

La Commissione Europea sulla proposta del mediatore, onerosità e termini della mediazione

Il servizio giuridico della Commissione Europea ha inviato alla Commissione stessa delle note scritte sulla domanda di pronuncia pregiudiziale formulata dal Giudice di Pace di Mercato San Severino ai sensi dell'art. 267 del Trattato sul funzionamento dell'Unione Europea vertente sull'interpretazione della Direttiva 2008/52/CE del Parlamento Europeo relativa a certi aspetti della mediazione in materia civile e commerciale alla luce dell'art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea.
Secondo il Giudice rimettente, le sanzioni previste dall'Art. 13, comma 1 e dall'art. 8, comma 5, ultimo periodo del D. Lgs. 28/2010 incidono sul diritto delle parti ad un ricorso giurisdizionale come garantito dal Diritto dell'Unione.
Il Giudice di Pace di Mercato San Severino rileva inoltre un "ritardo sostanziale" nell'introduzione dell'azione di fronte al Giudice a causa del termine di quattro mesi previsto dall'art. 6, comma 1 D. Lgs. 28/2010 che non sarebbe in linea con il criterio della durata stabilito dalla sentenza della Corte di Giustizia del 18 marzo 2010 (cause riunite C317/08 - 320/08 Alassini) incidendo negativamente sul diritto di accesso alla giustizia.
Nell'ordinanza di rimessione vi sono poi alcune osservazioni sul costo del procedimento di mediazione che in taluni casi arriverebbe ad essere persino il doppio del costo di un procedimento giurisdizionale di pari valore.


Mediazione e Compagnie d'Assicurazione

All'ultima Mediacolazione di martedì 11 luglio 2012, organizzata come ogni mese da  Giovanni De Berti per In Media, Orsola Arianna ci ha parlato di Mediazione e Compagnie di Assicurazione.
La Dott.ssa Arianna ha illustrato la ricerca che ha condotto per conto del Gruppo Mediazione dell'Osservatorio sulla Giustizia Civile del Tribunale di Milano interpellando tutte le maggiori Società assicuratrici al fine di individuare prassi e linee guida.
Abbiamo sentito di come le diverse Compagnie, in attesa della pronuncia della Corte Costituzionale sul D. Lgs. 28/2010 prevista per il prossimo ottobre,  si stiano - o non si stiano - organizzando per far fronte alla previsioni dell'art. 5 del Decreto.
Gli ostacoli e le difficoltà che sino ad oggi hanno fatto assumere alla stragrande maggioranza delle Compagnie d'Assicurazione un atteggiamento di critica severa nei confronti della mediazione  sono stati ben evidenziati; molte sono le problematiche aperte, quali ad esempio quelle relative alla procura, alla competenza territoriale, alle spese di lite e così via, tutte riportate ed analizzate dalla ricerca. 
Il lavoro della Dott. Arianna, che ringraziamo per la disponibilità, è quindi un ottimo punto di partenza per capire in quale direzione lavorare in un'ottica costruttiva di promozione ed effettiva diffusione della mediazione, anche nelle controversie che coinvolgono le Compagnie di Assicurazione e merita senza dubbio una lettura integrale

Why should we engage in a partecipative process in order to promote cross-border mediation

These are only some draft notes of mine on the promotion of mediation through a partecipative (bottom-up) process.

Why should we engage in a crowdsourcing process?
First of all because we - as mediators - are dealing with the needs of the litigants.
Our job in every mediation is to discover the needs under the iceberg of standpoints.
This is how mediators get the parties toghether and this is the difference between a negotiation,
let's say, a pure negotiation and a mediation.

So why don't we promote mediation by using the same method that we use in mediation?
If our goal is to promote mediation and
if mediation is something that brings the parties toghether, 
something that overcomes the different standpoints in order to reach an agreement, 
that explores all the all the possible solutions,
well, then we should do the same while promoting it.

Briefly, we should use a method which is congruent with the goal that we are pursuing.
The method of mediation.

La Mediazione come Metodo (segue): non si è mai abbastanza spregiudicati

La mediazione come "progetto aperto".
Andrea Buzzi, presidente della Fondazione Paracelso parla del progetto che la fondazione ha condotto in Afghanistan.
Con una narrazione puntuale e irriverente Andrea Buzzi racconta delle difficoltà di comunicazione, delle barriere culturali che portano a rigidità e dei rapporti che sono nati e cresciuti tra italiani e afghani per la messa a punto e l'avvio del progetto.
Con le parole di Andrea: "Non si è mai abbastanza spregiudicati, cioè ripuliti dai pregiudizi" e continua "Pensavo di avere poche barriere e pochi veli invece..."
Un racconto all'insegna del paradigma della complessità. Un'azione che parte dai bisogni e mantiene lì la sua bussola.

Parte 1 di 2

Parte 2 di 2

La Mediazione come Metodo (segue)

Ecco il video di un frammento del racconto che Andrea Buzzi, Presidente della Fondazione Paracelso ha fatto al Mediaperitivo del 24 maggio 2012.
Negli undici minuti del video Andrea racconta la nascita della Fondazione, delle negoziazioni di un gruppo di "destrutturati" pazienti emofilici con una grandissima multinazionale americana, del bisogni non mediabili che li rendevano pronti ad abbandonare il tavolo delle trattative, ad un passo dalla conclusione dell'accordo, dello sbigottimento dei top manager e dei top avvocati dell'altra parte che non capivano come si potessero rifiutare milioni e milioni di euro per una semplice "parola" in un contratto.

European Network of Mediation Centers

Da un’iniziativa di AIA – Association for International Arbitration con sede a Bruxelles si sta formando un network europeo per la mediazione di cui In Media, orgogliosamente, fa parte.
Ho parlato di questo nascente network in altri post su questo blog, postando anche delle slides.
Il punto di forza di questo network sta nel riunire competenze e forze da tutto il continente per promuovere uniti la mediazione, con particolare attenzione alla mediazione transfrontaliera.
A seguito della Direttiva 2008/52/CE gli Stati Membri hanno iniziato ad adeguare le rispettive legislazioni nazionali, creando però un sistema chiuso di giurisdizioni che difficilmente possono comunicare. Si è creato pertanto il paradosso per il quale proprio in tema di mediazione esistono tra gli stati delle barriere insormontabili che impediscono o rendono  assai difficile lo sviluppo della mediazione in generale e di quella  transfrontaliera in particolare.
Il network, attualmente presieduto dal Presidente Emerito della Corte Suprema Belga, Ivan Verougstraete, si propone di superare queste difficoltà e di promuovere la mediazione.